Circoncisione e rapporti sessuali: tutto quello che c’è da sapere

Ecco qual è la correlazione tra circoncisione e rapporti sessuali

La circoncisione è una procedura chirurgica nel corso della quale viene asportato totalmente o parzialmente il prepuzio, ovvero il lembo di pelle che ricopre il glande.  Si ricorre a un intervento di circoncisione a scopo preventivo o come cura di patologie quali la fimosi, che causa un restringimento del prepuzio, oppure in presenza di malattie che comportano ripetute infiammazioni al glande come le balano-postiti.

La circoncisione ha anche un significato culturale e religioso in determinati contesti che la praticano da sempre. In questo articolo approfondiremo il rapporto tra circoncisione e rapporti sessuali, in particolare come e in che modo l’intervento influenza o modifica i rapporti.

I vantaggi della circoncisione

Dovendo parlare di circoncisione e rapporti sessuali dobbiamo per prima cosa evidenziare quali sono i benefici che derivano dall’intervento.

  • Si riduce il rischio di trasmissione del virus HIV e anche di numerose infezioni batteriche e virali.
  • Si riduce anche l’incidenza di tumore al pene.
  • Si risolvono problematiche come fimosi, parafimosi e balaniti.
  • Risultano ridotti i tassi di infezione alle vie urinarie.

A godere dei benefici dell’intervento sono anche le partner dei circoncisi nelle quali si registrano meno casi di tumori alla cervice uterine, di infezione di HPV, Chlamidia trachomatis, Trichomonas vaginalis e herpes virus.

Quali sono le conseguenze della circoncisione nei rapporti sessuali?

Nonostante questi vantaggi documentati in molti si interrogano sulla correlazione tra circoncisione e rapporti sessuali, se l’intervento possa ridurre o meno la funzione sessuale maschile oppure incidere sul piacere femminile. I parametri a cui si ricorre per definire la funzione sessuale includono l’eiaculazione precoce, la disfunzione erettile, le difficoltà nella penetrazione, le difficoltà orgasmiche e il dolore durante il rapporto.

Per far luce sulla tematica si può fare riferimento a diversi studi sulla circoncisione e i rapporti sessuali in cui è stata paragonata la funzione sessuale di uomini circoncisi con quella di non circoncisi. Tali studi non hanno evidenziato alcuna differenza delle componenti della funzione sessuale tra gli uomini dei due campioni, lo stesso vale per le sensazioni, la sensibilità e il piacere sessuale.

La mancanza di effetti della circoncisione sulla funzione sessuale si riscontra soprattutto negli uomini che sono stati sottoposti all’intervento in età infantile, diverso è invece il discorso per gli uomini che sono stati circoncisi in età adulta. In questo caso si presuppone che l’intervento sia stato la conseguenza necessaria dell’insorgenza di una patologia che può essere identificata come la vera causa delle alterazioni della funzione sessuale.

A decidere l’intervento di circoncisione è il medico specialista, in seguito ad un’attenta analisi del caso specifico e dell’anamnesi del paziente.  

Search

+
WhatsApp chat
Chiama
Mappa