2 metodi per allungare il pene in modo efficace

Quali sono i risultati dei metodi per allungare il pene?

La dimensione del pene per molti uomini è un argomento scottante. In molti casi non vi è alcun problema, ma spesso l’errata percezione del proprio organo riproduttivo (sindrome da spogliatoio) fa sì che si avverta un senso di inadeguatezza fisica. Infatti, in quasi tutti gli uomini, esiste una stretta correlazione tra le dimensioni del pene e la propria autostima.

Tuttavia in altri casi ancora un intervento di allungamento si rende necessario: oltre a finalità puramente estetiche, si può ricorrere a dei metodi per allungare il pene anche per problemi patologici, come per esempio quando vi è una condizione di micropenia accertata dal medico.

I 2 metodi chirurgici per allungare il pene

I metodi per allungare il pene sono a livello chirurgico essenzialmente due:

  1. L’allungamento con un intervento di falloplastica. Falloplastica di allungamento (tramite divisione del legamento sospensore nota anche come ligamentolisi)
  2. L’aumento del diametro o l’allargamento del pene con un intervento di lipopenoscultura. Falloplastica di ingrossamento nota anche come Lipopenoscultura (tramite trasferimento di grasso autologo) o mediante iniezioni di acido ialuronico cross- linkato (aumento istantaneo della circonferenza senza la necessità di un intervento chirurgico ottenuto con l’uso di filler)

Grazie ai moderni protocolli terapeutici su può aumentare la circonferenza di pene e glande del 30-50% e la lunghezza del pene di 2-5 cm.

Cos’è la falloplastica?

La falloplastica di allungamento è un intervento che mira, appunto, ad aumentare la lunghezza dell’organo genitale maschile.

  1. Questo risultato si ottiene operando a livello del legamento sospensore dell’organo. Prevede quindi la sezione del legamento fundiforme e del legamento sospensore del pene, che lo trattengono alla sinfisi pubica. Questo comporta uno scivolamento in avanti da cui detiva un aumento di lunghezza che può variare tra i 2 e i 5 cm in condizione di riposo.
  2. Non è posibile prevedere prima dell’intervento quale sarà il grado esatto dell’allungamento perché dipende dalla lunghezza del legamento sospensore che varia da uomo a uomo.
  3. L’intervento non influisce sulla potenza e sul piacere sessuale.

Si ricorre alla falloplastica di allungamento per ragioni estetiche e può essere consigliata in caso di micropenia quando cioè sia le dimensioni che le misure del pene sono di molto inferiori rispetto agli standard di normalità.

Cos’è la lipopenoscultura?

L’ingrandimento penieno tramite lipopenoscultura consiste nell’utilizzare il grasso del paziente prelevato da altre sedi, come l’addome e l’interno coscia, per iniettarlo nelle fasce del pene.

Anche se una piccola parte di grasso viene naturalmente riassorbita, l’intervento comporta un aumento della circonferenza del pene di circa il 30% e assicura risultati più duraturi delle iniezioni di acido ialuronico. Non vi è rischio di rigetto o alcuna modifica nelle prestazioni sessuali.

I metodi (non chirurgici) per allungare il pene

I pazienti che sono restii a seguire i metodi per allungare il pene chirurgici possono optare per un approccio non chirurgico che prevede iniezioni di filler nel pene. Queste iniezioni possono aumentare il volume, ma poiché il filler tende a essere riassorbito, non si tratta di una soluzione permanente.

Contattaci per maggiori informazioni sui metodi di allungamento del pene.

Search

+
WhatsApp chat
Chiama
Mappa