Quali sono le conseguenze della masturbazione?

Le conseguenze della masturbazione e i benefici dell’autoerotismo

Il bisogno di masturbarsi viene spesso accompagnato da sensi di colpa e da diversi interrogativi. Le prime domande che molti uomini si pongono quando scoprono l’autoerotismo maschile, infatti, sono: masturbarsi fa bene o no? Masturbarsi ha benefici reali? Ma soprattutto: quante volte ci si può masturbare al giorno?

Se anche tu ti sei chiesto almeno una volta se masturbarsi 3 volte al giorno faccia male e quali sono le conseguenze della masturbazione, troverai le risposte in questo articolo.

A cosa serve l’auto erotismo maschile?

L’autoerotismo per l’uomo non è solo una pratica piacevole, ma è anche essenziale per l’umore, per diminuire la tensione e migliorare il sonno ad esempio.

Insomma, che sia per piacere, divertimento o rilascio di tensione, le persone che si masturbano da sole o che scelgono di farsi masturbare dal partner, possono trarre diversi benefici da questa pratica sessuale. Vediamolo insieme.

Masturbazione maschile: di cosa si tratta?

La masturbazione a livello sessuale è una pratica molto diffusa. Sia per gli uomini che per le donne, è un’attività sessuale normale e sana con pochi effetti collaterali.

La masturbazione consiste nello stimolare i genitali per il piacere sessuale, pratica che può portare o meno all’orgasmo e che non conosce limiti di età.

In molti però si chiedono: masturbarsi a 60 anni fa male? Possiamo dire di no, mastubarsi fa bene ad ogni età.

In base a un sondaggio effettuato negli Stati Uniti, la masturbazione maschile e femminile è praticata: 

  • Nella fascia di età 14-17 anni il 74% degli uomini e il 48% delle donne.
  • Nella fascia di età 57-64 anni il 63% degli uomini e il 32% delle donne.

Perché le conseguenze della masturbazione sono tutt’altro che negative

La masturbazione fa bene: infatti, sono provati i diversi benefici di questa pratica.

Vediamone alcuni:

  1. Riduce il rischio di tumore alla prostata. Masturbazione e prostata sono collegate. Infatti, uno studio del 2003 ha dimostrato che, gli uomini che eiaculano più di cinque volte a settimana e che sono intorno ai 20 anni, hanno un terzo delle probabilità in meno di sviluppare un cancro alla prostata aggressivo rispetto a quelli che hanno eiaculato meno spesso. I ricercatori ipotizzano che il rischio ridotto sia dovuto al fatto che l’eiaculazione frequente può impedire l’accumulo di agenti cancerogeni nella ghiandola prostatica. In un altro studio del 2016, invece, è stato scoperto un legame simile tra l’eiaculazione frequente e un minor rischio di cancro alla prostata. I ricercatori hanno concluso che gli uomini che eiaculano 21 volte al mese o più, hanno un rischio ridotto di sviluppare il cancro alla prostata. Possiamo quindi concludere che masturbarsi fa bene alla prostata.
  2. Migliora la salute fisica e mentale. L’auto-masturbazione maschile e la stimolazione sessuale possono: ridurre lo stress, rilasciare la tensione, migliorare la qualità del sonno, aumentare la concentrazione, migliorare l’umore, alleviare i dolori mestruali, alleviare il dolore, migliorare l’attività sessuale.
  3. Migliora la salute sessuale. La masturbazione per l’uomo è una strategia per migliorare la salute sessuale promuovendo l’intimità, esplorando il piacere di sé, i desideri e i bisogni, riducendo le gravidanze indesiderate e prevenendo le infezioni a trasmissione sessuale e la trasmissione dell’HIV. Inoltre, masturbarsi aiuta l’erezione. Per le persone che scelgono di astenersi dall’attività sessuale, o che non hanno un partner, l’autoerotismo è particolarmente importante, perché è uno sfogo sessuale e non conosce limiti di età. Masturbarsi a 50 anni non fa male, basti pensare che vi sono delle conseguenze della masturbazione positive per le donne anziane: meno secchezza vaginale e diminuzione del dolore durante l’attività sessuale.
problemi-di-criptorchidismo

Anche tu hai problemi di masturbazione?

Parlarne con un andrologo potrebbe essere molto più semplice di quanto pensi. Contatta il Dr. Francesco De Luca, anche tramite Whatsapp e richiedi subito un appuntamento.

Quante masturbazioni al giorno rientrano nella normalità?

Altro interrogativo comune riguarda la durata della masturbazione e la sua frequenza.

Alla domanda “quante volte bisogna masturbarsi” e quale sia la giusta durata della masturbazione, non si può però dare una risposta univoca: non esiste una frequenza “normale”.

Le persone praticano autoerotismo con cadenza giornaliera, settimanale o più raramente. C’è chi ritiene che masturbarsi fa perdere energia, ma la cosa non deve destare alcuna preoccupazione a meno che, tale attività, non vada a interferire sullo svolgimento delle attività quotidiane.

Conseguenze della masturbazione e falsi miti da sfatare

Sulle conseguenze della masturbazione sono state fatte molte affermazioni negative, che sono state sfatate e non trovano supporto nella scienza.

Ad esempio, si dice che, in una coppia, la relazione amorosa possa essere insoddisfacente se il partner pratica autoerotismo: uno studio, ha invece evidenziato che, le donne che si masturbano, hanno matrimoni più felici rispetto a quelle che non lo fanno.

Sesso e masturbazione vanno quindi d’accordo! Inoltre, si afferma erroneamente che:

  • masturbarsi fa male alla vista portando addirittura alla cecità
  • eiaculare tutti i giorni fa male e causa la disfunzione erettile
  • la masturbazione porta al rimpicciolimento del pene o alla sua curvatura
  • masturbarsi ogni giorno fa male perché comporta una riduzione del numero degli spermatozoi e causa infertilità
  • eiaculare spesso fa male perché porta all’insorgere di malattie mentali
  • eiaculare fa perdere energia portando debolezza fisica
  • masturbarsi fa male al cuore
  • masturbarsi la prostata fa male

3 possibili conseguenze della masturbazione

Se hai ancora dei dubbi, sappi che masturbarti non provoca danni. In alcuni casi però gli sfregamenti cutanei possono irritare la parte o causare escoriazioni, che guariscono in pochi giorni. Negli uomini può verificarsi un leggero gonfiore del pene chiamato edema, ma anche questo tende a scomparire nel giro di breve.

Altri potenziali effetti della masturbazione sono:

  1. Senso di colpa, spesso legato a convinzioni religiose, spirituali o culturali. Il piacere di masturbarsi non è immorale o sbagliato e non deve essere fonte di vergogna. Per superare questo blocco può essere utile il colloquio con un operatore o uno specialista in medicina sessuale.
  2. Diminuzione della sensibilità sessuale. Masturbarsi bene: come si fa? E cosa significa farlo bene? Una tecnica di masturbazione nel maschio aggressiva, che prevede una presa troppo stretta o sfregamenti molto energici, potrebbe portare a una riduzione della sensibilità sessuale. La stimolazione potenziata, come l’uso di un vibratore, può aumentare l’eccitazione e la funzione sessuale generale, sia negli uomini che nelle donne. Le donne che utilizzano un dildo hanno riportato un miglioramento della funzione sessuale e della lubrificazione, mentre gli uomini hanno sperimentato un miglioramento della funzione erettile.
  3. Alterazione delle attività quotidiane, come: problemi al lavoro o a scuola, compromissione delle attività quotidiane, influenze sulle responsabilità e nelle relazioni, fuga dai problemi relazionali o sostituzione delle esperienze della vita reale.

In questi casi è consigliato rivolgersi a uno specialista in medicina sessuale.

… Eiaculare fa bene o male?

Se è appurato che masturbarsi fa bene, occorre sottolineare che alcune pratiche possono essere dannose.

Gli uomini, infatti, usano varie tecniche di masturbazione e, alcune di queste, possono interferire con la loro funzione sessuale: ad esempio, la masturbazione in posizione prona, quella che si avvale di colpi molto intensi, così come premere, piegare o toccare il pene in un modo particolare può essere pericoloso. Anche masturbarsi senza eiaculare fa male.

Infatti, queste abitudini a volte possono provocare disfunzione sessuale come: deficit erettile, eiaculazione ritardata, riduzione del desiderio e insoddisfazione sessuale.

In questi casi, è sempre raccomandabile richiedere un consulto medico per prevenire potenziali problemi e trovare soluzioni.

Pornografia e masturbazione: possono causare disfunzione erettile?

L’erotismo viene stimolato talvolta dal ricorso alla pornografia online.

Questa pratica è aumentata nello stesso momento in cui è cresciuto anche il numero di diagnosi di disfunzione erettile negli uomini di età inferiore ai 40 anni.

Tuttavia, non ci sono prove scientifiche che suggeriscono che guardare film porno causi disfunzione erettile. Infatti, i ricercatori concordano che masturbazione e pornografia non causano questo problema.

Se hai bisogno di un consulto o di consigli in più sulla masturbazione e non solo, contatta l’andrologo De Luca che vanta una vasta esperienza in tutti i campi dell’andrologia funzionale ed estetica.

Uro-Andrologo Dr. Francesco De Luca: professionalità al tuo fianco   

Fissa un appuntamento con il Dr. Francesco De Luca per una visita andrologica per problemi alla masturbazione. Scegliere di affidarsi alle sue competenze significa che avrai la certezza di servizi di qualità e di una consulenza medica altamente professionale.

Scegli la professionalità del Dr. Francesco De Luca sulle difficoltà o problemi attinenti alla masturbazione 

Prenota ora una visita di consulto con il medico chirurgo specializzato in Uro-Andrologia per ogni vostro tipo di disturbo. Per qualsiasi informazione necessaria il Dr. De Luca sarà a vostra completa disposizione.

problemi di masturbazione e conseguenze

Search

+
WhatsApp chat
Chiama
Mappa