papule perlacee pene

Come si curano le papule perlacee sul pene

Cosa sono le papule perlacee sul pene?

Le papule perlacee sul pene sono delle piccole bollicine che si formano al livello della corona del glande e a soffrire di questo disturbo è quasi la metà degli uomini. Bisogna però specificare che si tratta di bolle benigne, quindi innocue, anche se la loro comparsa genera in chi ne è colpito un forte imbarazzo.

Per quanto riguarda le cause alla base della formazione di papule perlacee sul pene sono ancora ignote: alcuni esperti sostengono che queste bolle rappresentino semplicemente una variazione cutanea che colpisce gli uomini di colore ed i non circoncisi.

Molti uomini, quando si accorgono della presenza di queste bolle, pensano per prima cosa ad una malattia sessualmente trasmissibile: non è così dato che non dipendono né da una scarsa igiene o dall’attività sessuale.

Come si presentano le papule perlacee

Le papule perlacee sul pene hanno una dimensione che varia tra 1 e 3 millimetri, sono color carne, si manifestano sulla corona del glande e possono essere poche o presentarsi come tante file di piccoli puntini. Di rado si estendono alla zona del glande e sono comunque asintomatiche e non contagiose. In genere restano per tutta la vita, anche se con l’avanzare del tempo tendono a divenire meno evidenti. Visto che non causano prurito o dolore, il problema più evidente di queste bolle è il disagio psicologico che generano in chi ne è affetto: questo avviene soprattutto quando sono molto numerose ed evidenti. È normale quindi che molti uomini siano alla ricerca di soluzioni per eliminare la loro presenza, anche se è ormai appurato che non comportano danni per la salute.

Come curarle?

Ci sono diversi modi per eliminare le papule perlacee sul pene, ecco i più comuni:

  • Laser alla CO2: una terapia molto costosa, che viene eseguita con un laser ultra preciso. La zona trattata si arrossa dopo l’intervento, ma questo effetto svanisce nell’arco di una settimana.
  • Altro metodo è l’elettro-dessicazione con un elettro bisturi che emette degli impulsi elettrici direttamente su ogni bolla. Questo trattamento non provoca dolore o fastidio.
  • La crioterapia consiste invece nel raschiamento delle papule eseguito con un ferro chirurgico.
  • Altro tentativo che si può fare per eliminare la papule perlacee è quello di applicare pomate a base di podofillina che fanno seccare la pelle consentendo la caduta delle papule perlacee.

Ciascuno di questi trattamenti sarà stabilito dopo una visita andrologica in cui il medico analizzerà quale terapia è più adatta al paziente.

Search

+
WhatsApp chat
Chiama
Mappa