3 modi per ritardare l’eiaculazione

Come ritardare l’eiaculazione per avere una vita sessuale soddisfacente

Il piacere arriva troppo presto senza che tu riesca a controllarlo? Si parla di eiaculazione precoce quando vi è una difficoltà stabile e reiterata, da parte dell’uomo, nel controllare volontariamente l’eiaculazione. Per raggiungere l’orgasmo basta una minima stimolazione e ciò avviene prima che l’uomo lo desideri e prima che l’altro partner abbia raggiunto il piacere. Ma è possibile ritardare l’eiaculazione? Se sì, in che modo?

Proviamo a far luce sul problema prima di affrontare la sua possibile risoluzione.

Le cause del problema

È difficile definire quale sia il tempo normale della durata di un rapporto, poiché varia da coppia a coppia, in media si stima tra i 5-6 minuti. Per inquadrare un problema è necessario stabilire se il tempo per raggiungere l’eiaculazione rappresenta un impedimento alla vita sessuale della coppia specifica e ha conseguenze negative sul rapporto tra i partner e sulla loro soddisfazione sessuale.

Le cause dell’eiaculazione precoce possono essere:

  • Di natura psicologica: per esempio una perdita di fiducia in sé stessi o nella capacità di mantenere l’erezione per tutta la durata del rapporto.
  • Di natura fisica: nel caso di anomali anatomiche, come un frenulo breve o infiammazioni della prostata.

3 metodi per ritardare il piacere

Per ritardare l’eiaculazione si tenta in molti casi un trattamento che si basa su strategie diverse combinate tra loro.

  1. Se il problema è psicologico è necessario intraprendere un percorso terapeutico per individuare la causa (stress, mancanza di fiducia, blocco emotivo, ansia da prestazione o altro) e risolvere la situazione. Lo specialista lavora per sviluppare nel paziente le potenzialità utili a riportare nei limiti della normalità il rapporto con la partner. Ma poiché il problema dell’eiaculazione troppo veloce riguarda soprattutto la coppia non è inusuale che entrambi i partner si sottopongano a un percorso terapeutico insieme.
  2. Creme e preservativi ritardanti sono utili a ritardare l’eiaculazione poiché contengono sostanze anestetiche che riescono a ridurre la sensibilità del glande. Il limite di questi rimedi è la difficoltà nel dosare la corretta quantità di anestetico e si rischia di diminuire la validità dell’erezione o limitare il piacere.
  3. I farmaci per via orale specifici per l’eiaculazione precoce devono essere prescritti dallo specialista. Non c’è bisogno di seguire una terapia farmacologica continuativa, è disponibile un farmaco specifico da assumere al bisogno, prima di un rapporto sessuale che si è rivelato molto sicuro ed efficace nel ritardare l’eiaculazione. Il problema è che la sua efficacia è limitata alle ore successive all’assunzione, toglie quindi spontaneità all’atto sessuale e non risolve la problematica in modo definitivo.

Il consiglio di uno specialista è utile a individuare la giusta via da percorrere per tornare ad avere una vita sessuale soddisfacente.

Search

+
WhatsApp chat
Chiama
Mappa