Introduzione

Negli ultimi anni c’è stato un interesse significativo nella tecnologia della medicina rigenerativa grazie alla sua elevata efficacia con una buona sicurezza e bassi costi. Attualmente il PRP (plasma ricco di piastrine) è stato utilizzato con successo in vari campi della medicina (chirurgia, traumatologia e ortopedia, medicina dello sport e medicina estetica).

Cos’è il plasma ricco di piastrine (PRP)

Il Plasma Ricco di Piastrine (Platelet rich plasma o  gel piastrinico) è un concentrato di piastrine e fattori di crescita ottenuto mediante centrifugazione del sangue autologo (prelevato e successivamente iniettato nello stesso paziente). Le iniezioni di PRP rappresentano una forma di terapia cellulare autologa della medicina rigenerativa.

Come viene preparato il PRP

Il plasma ricco di piastrine (PRP) viene preparato mediante centrifugazione del sangue del paziente per rimuovere i globuli rossi. Il plasma ottenuto è ricco di piastrine che contengono vari fattori di crescita, come il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF), il fattore di crescita trasformante (TGF) -b, IGF-I e VEGF.

Quando le piastrine vengono attivate, rilasciano quei fattori, che svolgono importanti ruoli biologici in varie condizioni. Negli ultimi 15 anni il PRP è stato utilizzato per incoraggiare una rapida risposta di guarigione in diverse specialità medico-chirurgiche, in particolare l’odontoiatria, l’ortopedia e la dermatologia. Fondamentalmente, il sangue del paziente viene raccolto e centrifugato a velocità diverse fino a quando non si separa in 3 strati: Plasma povero di plasma (PPP), PRP e globuli rossi.

Di solito vengono effettuate 2 centrifughe. La prima (“Hard spin”) separa il plasma povero di piastrine (PPP) dalla frazione rossa e il plasma ricco di piastrine (PRP). La seconda centrifuga (“Soft spin”) separa la frazione rossa dal PRP. Il materiale con il peso specifico più elevato (PRP) sarà depositato sul fondo della provetta. Immediatamente prima dell’applicazione, viene aggiunto un attivatore / agonista piastrinico (trombina topica bovina e il 10% di cloruro di calcio) per attivare la cascata di coagulazione, producendo un gel piastrinico. L’intero processo richiede circa 12 minuti e produce una concentrazione piastrinica di 3-5 volte quella del plasma nativo.

PRENOTA ADESSO LA TUA VISITA

plasma ricco di piastrine - andrologo de luca

Come agisce il plasma ricco di piastrine

I fattori di crescita sono coinvolti nelle fasi chiave della guarigione delle ferite e nei processi rigenerativi che comprendono la chemiotassi, la proliferazione, la differenziazione e l’angiogenesi. Un vantaggio del PRP rispetto all’utilizzo del singolo fattore di crescita umano ricombinante è il rilascio di molteplici fattori di crescita e fattori di differenziazione sull’attivazione piastrinica.

In base alla configurazione morfologica e molecolare del PRP, si è dimostrato che il PRP è una struttura fibrinica presente sulle piastrine che ha il potenziale per supportare la matrice rigenerativa. Nell’uomo, il PRP è stato valutato e utilizzato come “farmaco” iniettivo per diversi tipi di trattamenti medici, tra cui tendinite cronica, osteoartrite, riparazione e rigenerazione ossea, chirurgia orale, e in chirurgia plastica.

Esistono numerose prove che indicano che il ligando della neuro-immunofilina e molti fattori di crescita, come il fattore di crescita dell’insulina-1 (IGF-1), il fattore di crescita derivato dal cervello (BDNF) e il fattore di crescita vascolare intraoculare (VEGF) svolgono un ruolo significativo nella neurale rigenerazione e up-regulation dell’ossido nitrico nitrico sintetasi (nNOS), così come nel recupero della funzione erettile dopo il trauma dei nervi cavernosi.

Uso del PRP e trattamento nel campo urologico-andrologico

Questa evidenza è il punto di partenza per la ricerca in campo urologico-andrologico che valuta l’uso del PRP a livello dei corpi cavernoso in pazienti sottoposti a prostatectomia radicale con risparmio dei nervi che spesso causano il recupero incompleto o ritardato della funzione erettile. In molti casi, i nervi cavernosi potrebbero essere stati inavvertitamente danneggiati dalla manipolazione durante la prostatectomia con risparmio di nervi.

Il recupero della funzione erettile può dipendere dalla ricrescita dei nervi dal tessuto neurale restante. In due diversi studi Ding X-G et al. e Wu YN et al. hanno valutato la diversa preparazione del PRP nel recupero della funzione erettile dopo un danno bilaterale dei nervi cavernosi in un modello di ratto. Nonostante le differenze dei metodi e della qualità del PRP (diversi metodi di produzione), entrambi gli studi hanno dimostrato che l’iniezione nel corpo cavernoso ha facilitato il recupero della funzione erettile.

 

Quali sono i rischi per il paziente?

Il trattamento con PRP non presenta effetti collaterali, una preparazione impropria e non conforme ai requisiti di qualità e sicurezza imposti dalla normativa di riferimento può rappresentare un rischio per il paziente. Un procedimento di lavorazione inadeguato potrebbe esporre al rischio di contaminazione batterica e/o infezioni.

PRP in andrologia: Deficit erettile e Induratio Penis Plastica

Il deficit erettile (DE) colpisce fino a 1 su 4 uomini, e le prove indicano che l’incidenza è in aumento. La fisiopatologia è multifattoriale, ma una proporzione significativa risulta dalla disfunzione endoteliale secondaria all’infiammazione. I trattamenti più comuni per la DE mirano a migliorare la funzione endoteliale attraverso l’aumento della via dell’ossido nitrico.

Ad oggi, a parte le onde d’urto, non ci sono trattamenti che affrontano la causa sottostante della disfunzione endoteliale. Le terapie derivate dalle piastrine che prendono di mira l’infiammazione e promuovono la rigenerazione dei tessuti possono rappresentare una potenziale. opzione terapeutica. LInduratio Penis Plastica, sebbene meno comune della DE, colpisce all’incirca l’1% -9% degli uomini.

La patofisiologia sembra implicare una maggiore infiammazione da rottura tissutale, seguita da una aberrante guarigione delle ferite con conseguente presenza di placche fibrotiche. Gli attuali regimi di trattamento comprendono l’iniezione intra placca, la plicatura, l’incisione di placca + graft o l’inserimento di protesi peniene per ripristinare forme e funzioni appropriate. Attualmente non ci sono terapie mirate né ai processi infiammatori né alla guarigione aberrante delle ferite che causano l’Induratio Penis Plastica.

Inoltre, le terapie che si concentrano sulla disaggregazione delle placche fibrotiche attraverso la manipolazione meccanica o la collagenasi, non affrontano la guarigione o la rigenerazione della ferita del tessuto danneggiato. L’iniezione di PRP potrebbe combinare la rottura meccanica della placca, attraverso l’ago, neutralizzando contemporaneamente i processi infiammatori distruttivi nel tentativo di promuovere una migliore risposta alla guarigione della ferita e stabilizzare la placca distrutta.

Wu et al. hanno studiato gli effetti di diverse preparazioni di iniezioni di PRP in modelli di ratto con lesioni da schiacciamento dei nervi cavernosi bilateralmente. I loro dati suggeriscono che una formulazione di PRP “ottimizzata” con un alto livello di fattori di crescita era più stabile di altre preparazioni di PRP. Ratti trattati con questa formulazione dimostrato significativamente maggiori aumenti nella pressione intracavernosa, pressione arteriosa media maggiore, livelli elevati di ossido nitrico sintetasi, e maggior recupero della funzione erettile.

Tang et al. hanno anche dimostrato che le iniezioni di PRP nel sito di lesioni da schiacciamento dei nervi cavernosi hanno contribuito a facilitare la rigenerazione dei nervi e la funzione erettile in un modello di ratto.

Miglioramenti oggettivi nel punteggio IIEF-5 (4,14 punti, 9,1%) sono stati osservati in pazienti sottoposti a terapia con PRP per DE e Induratio penis Plastica. Questo livello di miglioramento era simile all’aumento medio del punteggio IIEF osservato in pazienti che utilizzavano PDE5i dopo una prostatectomia con risparmio di nervi in ​​una recente meta-analisi. Durante il follow-up, i pazienti hanno riferito specifici miglioramenti nella rigidità delle erezioni e miglioramenti nella soddisfazione dovuti alla maggiore fiducia. Dei pazienti con Induratio Penis Plastica disponibili per il follow-up, l’80% ha notato un miglioramento soggettivo iniziale nel loro grado di curvatura.

Esiste una promettente terapia combinata per il trattamento della malattia di La Peyronie basata sulla matrice di fibrina ricca di piastrine (PRFM o PRP) con estensore e/o pompa vacum . Ciò rappresenta un’alternativa alla collagenasi e alla chirurgia per trattare efficacemente la malattia di La Peyronie.

In uno studio pubblicato nel 2018 dal Dr. Terlecki sull’uso del plasma ricco di piastrine autologhe (PRP) nella malattia di La Peyronie ha mostrato sembra essere un trattamento sicuro e fattibile, oltre l’80% dei pazienti hanno migliorato il loro grado di curvatura.

I dati suggeriscono che le piastrine svolgono un ruolo importante nella riparazione dei tessuti, nel rimodellamento vascolare e nelle risposte infiammatorie e immunitarie attraverso la secrezione di fattori di crescita, citochine e chemochine.

Fonte

  • Safety and feasibility of platelet rich fibrin matrix injections for treatment of common urologic conditions
plasma ricco di piastrine - andrologo urologo de luca

PRENOTA ADESSO LA TUA VISITA

Prenota una visita di consulto con il Dr. Francesco De Luca a Roma

Il Dr. Francesco De Luca è un medico chirurgo specializzato in Uro-Andrologia il quale mette a tua disposizione le sue numerose specializzazioni per garantirti il ritrovamento del tuo benessere psicofisico. Affidati alle competenze del Dr. Francesco De Luca a Roma per qualsiasi informazione sulla prostatite e altri disturbi.

Contattaci per qualsiasi informazione necessaria

Il Dr. De Luca promette di essere al tuo fianco, per qualsiasi tua richiesta di intervento medico e troverai soluzioni adatte a curare ogni tua patologia.

Visita-Andrologica Francesco De Luca