Prevenzione Uro-Andrologica

29 Mag 2018 Servizi

La prevenzione Uro-Andrologica

La prevenzione Uro-Andrologica è fondamentale in tutte le fasi della vita dell’uomo (adolescenza, età adulta e terza età).

Così come avviene per le donne che si rivolgono regolarmente al ginecologo sin dalla tenera età, l’Uro-Andrologo dovrebbe essere la figura di riferimento per l’uomo.

 

Adolescenza

Tutti i ragazzi hanno bisogno di una visita uro-andrologica, cosa che non avviene più dall’abolizione della visita di leva. Lo scopo non  è solo quello di identificare  la presenza di anomalie  dei genitali  ed il loro corretto sviluppo, ma anche quello di promuovere l’educazione sessuale e la prevenzione, poiché molte delle patologie che vediamo nel soggetto adulto in realtà hanno origine molto prima e  potrebbero quindi essere identificate e trattate tempestivamente.

Le più frequenti anomalie sono rappresentate dalla fimosi, varicocele, frenulo breve, pene curvo  e/o tumore del testicolo.

 

Età Adulta

Nell’età adulta è importante preservare la propria fertilità; si stima che 1 uomo su 3 sia a rischio infertilità. E’ importante sottoporsi a controlli periodici e non sottovalutare le prime manifestazioni.

Il numero totale degli spermatozoi nei maschi occidentali è calato drasticamente nelle ultime quattro decadi, tra le possibili cause ci sono l’esposizione a fattori inquinanti, stili di vita non sani, malattie sessualmente trasmissibili, diete scorrette e obesità. In Italia sono oltre 250mila le coppie considerate infertili e, in circa la metà dei casi, la causa è maschile.

L’esame del liquido seminale consente di valutare lo stato di fertilità  e dovrebbe essere eseguito da ogni uomo in età riproduttiva poiché rappresenta lo specchio della salute della persona.

 

Terza età

Il quadro della salute dopo i 45 anni è il risultato di come si è vissuti prima e di quanta prevenzione è stata fatta. La prostata va incontro ad un aumento volumetrico  con sintomi del basso tratto urinario i quali spesso si associano a problemi di erezione e/o eiaculazione.

Si stima che in Italia ci siano 3 milioni di soggetti affetti da ingrossamento prostatico, 4 milioni che soffrono di eiaculazione precoce ed altri 3 milioni con problemi di erezione.

 

Search

+
WhatsApp chat
Chiama
Mappa